Skip to main content
All Posts By

Snidar Consulting

LeoVegas sfida il decreto

By Gaming No Comments

LeoVegas, società svedese di gioco on-line presente sul mercato italiano dal 2017 come LeoVegas.it, si è esposta fin da subito, spesso attraverso le dichiarazione del suo AD Niklas Lindahl, esprimendo chiare perplessità verso le misure adottate dal governo italiano in materia di pubblicità sul gioco.

Quest’oggi con l’avvio della campagna pubblicitaria #GIOCAPERGIOCO dedicata al campionato di Serie A, prossimo al fischio d’inizio, Leo Vegas punta con decisione ad applicare strategie alternative per ovviare al blocco pubblicitario.

Ecco l’annuncio apparso, con i colori del marchio, su doppia pagina sul Corriere dello Sport:

“Cari giocatori, vi abbiamo attesi, vi abbiamo desiderati e finalmente ci siamo. Per vincere in questa nuova stagione serviranno passione, sacrificio e impegno. Solo sfidandovi con onore e dignità, come dei veri leoni, la vittoria sarà vicina. Buon campionato a tutti. Noi siamo ancora qui al vostro fianco!”.

Una scelta decisa con la quale il marchio lancia la sua sfida al divieto di pubblicità al gioco d’azzardo, rivolgendosi direttamente ai propri utenti. Risulta evidente come in questo messaggio ci sia un riferimento all’avvio del campionato di Serie A e all’offerta di servizi per le scommesse online, ponendo il marchio al fianco dei giocatori in una non troppo velata contrapposizione al divieto il quale, senza precedenti in Europa, rischia paradossalmente di far riguadagnare fette di mercato all’offerta illegale, livellando di fatto l’offerta globale, senza distinzioni di premessi e concessioni.

Una posizione netta e coraggiosa, rafforzata dalle dichiarazioni dell’AD Niklas Lindahl in merito alla campagna #GIOCAPERGIOCO:

“In questo messaggio vogliamo dire che la pubblicità nel mondo delle scommesse e del gioco può essere responsabile e corretta. Se si rispettano certe regole è la pubblicità stessa a far crescere il mercato e a responsabilizzare i giocatori rispetto al modo di giocare e di fare scommesse. Da qui l’hashtag #GIOCAPERGIOCO. Il nostro messaggio vuole avere un impatto forte, non a caso abbiamo usato la parola dignità, ovvero la stessa che dà il nome alla legge con la quale il governo ha introdotto il divieto assoluto di pubblicità. Qualcuno potrebbe interpretarla come una provocazione, e per certi versi lo è. Nel rispetto totale della legge vogliamo dire che ci siamo, che non dobbiamo nasconderci, che stiamo operando legalmente, esattamente come è previsto nei termini di una concessione che ci ha assegnato lo Stato. Vogliamo dire che nel mondo dell’advertising si può comunicare senza essere aggressivi e noi lo facciamo senza promettere vincite impossibili o bonus, ma semplicemente salutando l’Italia. E’ un benvenuto al Campionato. E’ la dimostrazione che siamo cosa diversa rispetto a come la politica in questi mesi ci ha voluto rappresentare di fronte alla pubblica opinione”

Pubblicità in Italia. Le strategie alternative.

By Gaming No Comments

Alcuni colossi del Gaming cominciano a pianificare strategie alternative per raggiungere il proprio target in Italia per fronteggiare l’attuale situazione di stallo creata dal blocco della pubblicità.

Una delle opportunità potrebbe essere il #RemarketingComportamentale, pratica basata sulla profilazione degli utenti sulla base dei loro comportamenti online, che non rientra nel Decreto.

ConversionBet è pronta a sfruttare l’incerta situazione legale in Italia fornendo una piattaforma di remarketing comportamentale per ridurre l’impatto del divieto pubblicitario proposto.
Questa società, che ha già fornito prodotti di personalizzazione e comportamentali a numerosi operatori del settore tra cui MultiLotto, ha infatti appena firmato un accordo con StarCasinó.it, per fornire all’operatore italiano la sua tecnologia proprietaria in tempo reale.

La piattaforma ConversionBet consentirà quindi a StarCasinó.it di inviare messaggi altamente personalizzati al suo traffico passivo su più canali e al momento giusto.

Dan Morrison, CEO di ConversionBet ha dichiarato dopo l’accordo che “Poiché il remarketing comportamentale non rientra in questo decreto, sfruttare questo canale è la strada maggiormente percorribile per continuare a raggiungere gli obiettivi di Brand Awareness”

Nicola Porro: “Le bufale da smontare su giochi e ludopatia”

By Gaming No Comments

Il Decreto Dignità cancellerà la pubblicità di giochi e scommesse, ma ci sono dei luoghi comuni che continuano a venir fuori quando si parla di questo provvedimento e spesso del settore del gioco in generale.

· la differenza tra giocatori ludopatici e problematici
· le contraddizioni del blocco pubblicitario solo in questo settore
· disinformazione sull’evasione dei concessionari
· le entrate dello Stato

ARTICOLO ORIGINALE

Decreto dignità: il punto della situazione

By Gaming No Comments

In attesa della pubblicazione in Gazzetta del decreto che entrerà in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana e sarà presentato alle Camere per la conversione in legge, ecco quali sono i punti salienti che riguardano la lotta alla ludopatia.

· a decorrere dalla data di entrata in vigore del decreto sarà vietata qualsiasi forma di pubblicità, anche indiretta, relativa a giochi o scommesse con vincite di denaro, comunque effettuata e su qualunque mezzo, incluse le manifestazioni sportive, culturali o artistiche, le trasmissioni televisive o radiofoniche, la stampa quotidiana e periodica, le pubblicazioni in genere, le affissioni ed internet.

· l’inosservanza delle disposizioni comporta a carico del committente, del proprietario del mezzo o del sito di diffusione l’applicazione di una sanzione amministrativa pecuniaria commisurata nella misura del 5% del valore della sponsorizzazione o della pubblicità e in ogni caso non inferiore ad un importo minimo di € 50.000.

· L’Autorità competente alla contestazione ed all’irrogazione delle sanzioni è l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni.

· I proventi delle sanzioni amministrative per le violazioni saranno destinati al fondo per il contrasto al gioco d’azzardo patologico

· Ai contratti di pubblicità in corso di esecuzione alla data di entrata in vigore del presente decreto resta applicabile fino al 30 giugno 2019 la normativa vigente anteriormente alla medesima data.

Ieri il Ministro Di Maio è tornato a parlare del decreto, a seguito delle critiche piovute da più parti e delle richieste di apertura di un dibattito parlamentare in merito. Di Maio ha manifestato la volontà procedere con l’entrata in vigore del decreto, lasciando però spazio ad una discussione parlamentare, per valutare eventuali miglioramenti:
“Il Parlamento deve avere la possibilità di discutere il decreto e di migliorarlo, credo non ci sia bisogno della fiducia. Ma, lo dico da capo politico del M5S, non arretreremo sulle norme”.
Ad oggi però, come riferisce l’Huffington Post, il decreto è ancora sul tavolo di Di Maio e l’iter rallenta: senza la bollinatura il testo non può passare a Colle, Gazzetta ufficiale e Parlamento.

ARTICOLO ORIGINALE

Intervista all’Architetto, seconda parte

By Gaming No Comments

“Il prodotto finale, fatto di volumi puri e forme armoniose, cela la complessità tecnologica e impiantistica, frutto del lavoro di diverse professionalità. Qui nasce la vera sfida: coordinare gli apporti multidisciplinari verso l’obiettivo, che è quello di unire bellezza, funzionalità, sicurezza e benessere, puntando sempre alla spettacolarizzazione del risultato.” – Beniamino Cirilli

Cirilli’s Studio è partner di #SNIDAR e risorsa strategica in tutte le fasi di sviluppo del progetto: dall’ideazione dei layout alle scelte architettoniche e impiantistiche, fino alla posa in opera, per offrire un prodotto chiavi in mano e a regola d’arte.

American Bar in 40 giorni

By Gaming No Comments

#SNIDAR gestisce interamente l’allestimento delle sale, dalla progettazione alla realizzazione e si occupa di tutti gli aspetti legati alla ristrutturazione dei locali e alla personalizzazione degli spazi.

Ecco come nasce un American Bar in uno dei nostri progetti.
#40giorni in #40secondi

american bar

#SNIDAR gestisce interamente l’allestimento delle sale, dalla progettazione alla realizzazione e si occupa di tutti gli aspetti legati alla ristrutturazione dei locali e alla personalizzazione degli spazi. Ecco come nasce un American Bar in uno dei nostri progetti.#40giorni in #40secondiwww.snidar.it

Geplaatst door Snidar Consulting op Zaterdag 9 juni 2018

ADM. Dichiarazione di ubicazione delle Slot

By Gaming No Comments

ADM comunica che è già disponibile nel sito internet istituzionale dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli – Area monopoli – l’applicativo per l’acquisizione delle dichiarazioni di ubicazione degli apparecchi da intrattenimento dismessi e delle relative schede di gioco.
Sino al 4 giugno 2018 è consentito rendere le dichiarazioni di ubicazione degli apparecchi che siano stati dismessi sino al 21 maggio 2018.
Per tutti gli altri apparecchi dismessi le dichiarazioni di ubicazione dovranno essere rese entro 10 giorni dalla dismissione.
Il dichiarante è tenuto a verificare la correttezza delle informazioni già presenti e, eventualmente, aggiornarle, distintamente, per ciascun apparecchio di gioco dismesso.

ARTICOLO ORIGINALE

Confindustria: “Riforma non più derogabile”.

By Gaming No Comments

“Ribadiamo ancora una volta la nostra piena disponibilità a collaborare con tutti gli attori coinvolti per portare avanti una riforma sostenibile, non più derogabile, della filiera del gioco legale in Italia che possa contribuire al raggiungimento degli obiettivi sociali, finanziari ed economici dello stato e degli enti locali, tutelando gli investimenti e il lavoro”.

Così Stefano Zapponini, Presidente di Sistema Gioco Italia a margine dell’odierno Consiglio generale della Federazione, sulle news che vedono il sistema Gioco tra i punti programmatici del Governo 5 Stelle – Lega, ribadendo la disponibilità ad un confronto e l’urgenza di una riforma del settore che tuteli cittadini, lavoratori e imprese.

ARTICOLO ORIGINALE

Il gioco in Italia nel 2017

By Gaming No Comments

Pubblicati i dati ufficiali sul Gioco in Italia nel 2017. Continua la crescita inarrestabile del settore, che nel 2017 si attesta ad un + 6,15% rispetto al 2016, registrando una Raccolta ( totale delle somme giocate ) di 101,8 miliardi di euro.

Come sempre il mercato è dominato dagli apparecchi da intrattenimento che valgono circa la metà dell’intero mercato del Gioco: le slot hanno totalizzato 7,8 miliardi di euro (+1%) mentre le Vlt si sono attestate a 2,8 miliardi (+2,8%).

Dopo Slot e Vlt si piazzano Lotterie e Gratta&Vinci, con 2,43 miliardi (+0,3%) e il Lotto con 2,42 miliardi ( in perdita del 21%). Benissimo il Bingo con 1,53 miliardi (+170%) e in netta crescita anche i giochi a base sportiva a quota 1,34 miliardi (+43,3%).

I giochi di abilità a distanza (casinò games, cash games etc) confermano la crescita con 723 milioni (+24,8%) seguiti dai Giochi numerici a Totalizzatore (Superenalotto, Win for Life ecc) che perdono quote di mercato pur raggiungendo quota 619 milioni. (-15,2%).
Chiudono la classifica le Scommesse Virtuali a 235 milioni di euro (+23%) seguite dai Giochi a Base Ippica (152 milioni, -23%) e Betting Exchange (6 milioni, +100%)

gioco 2017

Pubblicati i dati ufficiali sul Gioco in Italia nel 2017. Continua la crescita inarrestabile del settore, che nel 2017 si attesta ad un + 6,15% rispetto al 2016, registrando una Raccolta ( totale delle somme giocate ) di 101,8 miliardi di euro.Come sempre il mercato è dominato dagli apparecchi da intrattenimento che valgono circa la metà dell’intero mercato del Gioco: le slot hanno totalizzato 7,8 miliardi di euro (+1%) mentre le Vlt si sono attestate a 2,8 miliardi (+2,8%). Dopo Slot e Vlt si piazzano Lotterie e Gratta&Vinci, con 2,43 miliardi (+0,3%) e il Lotto con 2,42 miliardi ( in perdita del 21%). Benissimo il Bingo con 1,53 miliardi (+170%) e in netta crescita anche i giochi a base sportiva a quota 1,34 miliardi (+43,3%).I giochi di abilità a distanza (casinò games, cash games etc) confermano la crescita con 723 milioni (+24,8%) seguiti dai Giochi numerici a Totalizzatore (Superenalotto, Win for Life ecc) che perdono quote di mercato pur raggiungendo quota 619 milioni. (-15,2%). Chiudono la classifica le Scommesse Virtuali a 235 milioni di euro (+23%) seguite dai Giochi a Base Ippica (152 milioni, -23%) e Betting Exchange (6 milioni, +100%)

Geplaatst door Snidar Consulting op Donderdag 10 mei 2018